ANDREA PARODI:


Video preso da : https://youtu.be/ciKuuilHr98.

61 anni fa nasceva Andrea Parodi

L’indimenticabile bardo della Sardegna Morì nel 2006 di cancro, ma tutto il mondo della canzone popolare non l’ha mai scordato.

E’ impossibile dimenticare il suo ultimo concerto all’ Anfiteatro romano di Cagliari il 22 settembre 2006. Segnato nel corpo dalla malattia incurabile, ma non nello spirito, Andrea canta, ride e scherza con il pubblico . Durante quella serata indimenticabile si scuserà con gli amati spettatori se ogni tanto si dovrà sedere per la stanchezza.

Lo sguardo rivolto verso la sua giovane moglie, Valentina, mentre canta sarà una dichiarazione d’amore struggente fatta con il sorriso e con estrema dolcezza. Non avrebbe potuto riposare se ancora una volta non avesse cantanto il suo amore per la sua famiglia (Andrea ha lasciato due figlie) , per la sua terra e per la vita.

Valentina Casalena che oggi è la presidente della fondazione Andrea Parodi raccontò sempre nela stessa intervista così gli ultimi istanti di vita di un grande artista italiano che l’Italia ha faticato a riconoscere, relegandolo per troppo tempo a cantastorie locale, senza riconoscerne il ruolo di autore impegnato di un’intero Paese, e non solo sardo: “In uno degli ultimi concerti, lui dice che, quando muore una persona cara, bisogna andare avanti e sperare di rincontrarla, un giorno. Lo dice presentando un brano, Armentos, scritto anni prima, che per me oggi è un segno. Andrea l’ha ripreso nel 2004: gli piaceva il senso del parallelo tra i pascoli terreni e i pascoli divini. E dice proprio questo: se pensiamo a come sarà bello il momento del riincontro, ci passa la tristezza dell’assenza di oggi. E’ scontato dirlo, ma per me è davvero così: io lo penso vivo, ed è la prima volta che mi capita una cosa del genere. Quando Andrea ha chiuso gli occhi, tra me e me ho detto: “Ora ricomincio a cercarti, ti ricerco”. Come ho fatto all’inizio, nei primi tre anni, in cui non lo conoscevo, ma a mio modo da semplice fan lo cercavo. Per me ora è iniziata una nuova fase, in cui devo di nuovo cercarlo, in un’altra maniera. Credo sia questo: sentirlo vivo, lavorare per lui, crescere le nostre figlie. Il mio quotidiano è tutto incentrato su di lui, in modo positivo, verso il futuro. Questo mi dà la serenità. Mi dà una forza incredibile.

Arrivederci Andrea! Tutta la Sardegna non ha mai smesso di cercarti.

Articolo preso da : https://giornaledellospettacolo.globalist.it/musica/2017/04/28/61-anni-fa-nasceva-andrea-parodi-391140.html

Video preso da : https://youtu.be/yrLiWeAdhWU.