COMMENTATE QUESTO ARTICOLO :


La grande corsa ai biscotti alla Nutella. Venduti già 57 milioni.

20191114_113352

Confezioni introvabili nei supermarket. Il 37% degli acquisti nel Nordovest. Nelle prime tre settimane di vendita il fatturato del biscotto alla Nutella (che viene venduto in media a 3 euro alla confezione) è già arrivato a 8 milioni di euro.

TORINO – In tre settimane sono stati venduti 57 milioni di biscotti, uno per italiano. Diabetici compresi. Si spiega così il giallo dei Nutella Biscuits, i biscotti ripieni della nota crema spalmabile, che spesso sono introvabili nei punti vendita. Tanto che sui social è partita una vera caccia al tesoro. «È stato un crescendo — dice Angelo Massaro, amministratore delegato della società di rilevazione Iri — perché nella prima settimana le confezioni vendute in Italia sono state 27 mila. Nella seconda sono salite oltre il milione e nella terza, l’ultima di cui abbiamo i dati, a un milione e mezzo». In tutto 2,6 milioni di confezioni che contengono ciascuna 22 biscotti.

La rilevazione di Iri dice che la velocità di rotazione delle confezioni sugli scaffali, vale a dire il tempo necessario per vendere il prodotto e sostituirlo, è di 2,2 volte superiore a quello dei prodotti analoghi della stessa Ferrero. E probabilmente anche della concorrenza anche se la società, per comprensibili motivi, non fornisce comparazioni tra i suoi diversi clienti.

Chi è più dipendente dai biscotti alla Nutella? Il 37 per cento del prodotto viene venduto nel Nordovest: Piemonte, Liguria, Lombardia e Valle d’Aosta. Un po’ perché quella è l’area più ricca del Paese, un po’ perché lì sono le radici storiche della Ferrero. Nel Nordest si vende il 16,6 per cento del totale dei biscotti. Centro e Sud sono sopra il 20 per cento. In tre settimane il biscotto alla Nutella ha conquistato il 16 per cento della sua categoria di mercato.

Facendo i conti in tasca al gruppo di Alba, nelle prime tre settimane di vendita il fatturato del biscotto alla Nutella (che viene venduto in media a 3 euro alla confezione) è già arrivato a 8 milioni di euro. In un anno, se manterrà questi ritmi di vendita, dovrebbe ampiamente superare gli 80 milioni che erano l’obiettivo di fatturato. Di questo passo infatti si dovrebbero superare abbondantemente i 130 milioni.

Ecco dunque spiegato il giallo dell’irreperibilità delle confezioni in vendita. È un effetto simile al secchiello d’acqua sulla sabbia: il ritmo di rifornimento dei supermercati non è sufficiente a rispondere alla domanda. Quanto durerà questa mania? Gli analisti del mercato non si sbilanciano: «Non sappiamo quando la domanda si assesterà», spiega Massano. E aggiunge: «Se guardo agli ultimi cinque anni questo è certamente il lancio più importante di un nuovo prodotto. Nel senso che è quello che ha avuto maggiore successo nei primi giorni di vendita. E questo fa pensare che i riacquisti dopo il primo saranno numerosi».

Articolo preso da : https://www.repubblica.it/economia/2019/11/27/news/la_grande_corsa_ai_biscotti_alla_nutella_venduti_gia_57_milioni-241998258/amp/

Screenshot_2019-11-27-09-46-08

COMMENTATE QUI SOTTO:

A TE – JOVANOTTI :


Video preso da : https://youtu.be/NAFHNpneahQ

A TE:

A te che sei l’unica al mondo
L’unica ragione per arrivare fino in fondo
Ad ogni mio respiro
Quando ti guardo
Dopo un giorno pieno di parole
Senza che tu mi dica niente
Tutto si fa chiaro
A te che mi hai trovato
All’ angolo coi pugni chiusi
Con le mie spalle contro il muro
Pronto a difendermi
Con gli occhi bassi
Stavo in fila
Con I disillusi
Tu mi hai raccolto come un gatto
E mi hai portato con te
A te io canto una canzone
Perche non ho altro
Niente di meglio da offrirti
Di tutto quello che ho
Prendi il mio tempo
E la magia
Che con un solo salto
Ci fa volare dentro l’aria
Come bollicine
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che sei il mio grande amore
Ed il mio amore grande
A te che hai preso la mia vita
E ne hai fatto molto di più
A te che hai dato senso al tempo
Senza misurarlo
A te che sei il mio amore grande
Ed il mio grande amore
A te che io
Ti ho visto piangere nella mia mano
Fragile che potevo ucciderti
Stringendoti un po’
E poi ti ho visto
Con la forza di un aeroplano
Prendere in mano la tua vita
E trascinarla in salvo
A te che mi hai insegnato I sogni
E l’arte dell’avventura
A te che credi nel coraggio
E anche nella paura
A te che sei la miglior cosa
Che mi sia successa
A te che cambi tutti I giorni
E resti sempre la stessa
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei sogni miei
A te che sei
Essenzialmente sei
Sostanza dei sogni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che non ti piaci mai
E sei una meraviglia
Le forze della natura si concentrano in te
Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano
Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano
A te che sei l’unica amica
Che Io posso avere
L’unico amore che vorrei
Se io non ti avessi con me
A te che hai reso la mia vita
Bella da morire
Che riesci a render la fatica
Un immenso piacere
A te che sei il mio grande amore
Ed il mio amore grande
A te che hai preso la mia vita
E ne hai fatto molto di più
A te che hai dato senso al tempo
Senza misurarlo
A te che sei il mio grande amore
Ed il mio amore grande
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei sogni miei. 

QUANDO CAPIRANNO DI VERIFICARE TUTTI I PONTI ITALIANI?!!


2019-11-25 09.10.32.jpg

Secondo l’ingegnere Paolo Costa, con l’esperienza maturata negli ultimi anni non si sarebbero create le condizioni per il cedimento.

Genova – «La struttura questa volta è innocente, non poteva far altro che cedere. Quel viadotto è figlio degli anni forse peggiori nella storia delle costruzioni. E oggi non l’avremmo mai fatto così»: è normale sia caduto, il “Madonna del Monte”, perché contro di lui si è schiantata una forza d’urto di migliaia di tonnellate. Ma, con l’esperienza maturata negli ultimi anni non si sarebbero create le condizioni per il cedimento.

«Osservando la collina – dice Paolo Costa, ingegnere e vicepresidente dell’Ordine di Genova – è piuttosto chiaro che si è ricavata una pila in una via di scorrimento naturale. Questo avrebbe suggerito di non realizzarla proprio, preferendo un ponte di maggiore luce (lo spazio privo di sostegno al di sotto all’impalcato, ndr). Oppure, se strettamente necessario, sarebbero state eseguite una serie di indagini approfondite sulle caratteristiche del terreno soprastante, per escludere rischi». Quello che non si faceva, invece, negli anni in cui sono state edificate la gran parte delle autostrade, compresa la Savona-Torino. «Eravamo nell’era moderna, ma i problemi si sottovalutavano. Una maggiore consapevolezza di certi tipi di rischio, soprattutto nel nostro territorio, ha iniziato a prendere piede dopo l’alluvione del 1970».

mappa: le 3 voragini che dividono il Nord-Ovest:

Troppo tardi, però, per evitare di disseminare il territorio di opere discutibili. «Sono stati anni non belli. Ci sono decine, forse centinaia di situazione in cui converrebbe demolire invece di tentare di adeguare. Il decennio tra la fine degli anni ’60 e i ’70 è stato un disastro. Contava essere veloci, giravano molti soldi e tanti avevano interesse che fosse così».

Articolo preso da : https://www.google.com/amp/s/www.ilsecoloxix.it/italia/2019/11/25/news/crollo-sull-a6-l-esperto-grave-errore-il-pilone-in-quel-punto-1.37993713/amp/

 

ASCOLTI TV IERI SERA DI UNA STORIA DA CANTARE:


 

La seconda puntata di Una storia da cantare si è aperta con l’omaggio a Lucio Dalla.

Lo show ha intrattenuto una media di 3.439.000 spettatori pari al 17.3% di share.

SE GLI OMAGGI DEVONO ESSERE QUESTI, MEGLIO LASCIAR PERDERE E FAR RIPOSARE IN PACE I CANTAUTORI SCOMPARSI!!

UN OMAGGIO ADEGUATO PER RICORDARE I CANTAUTORI SCOMPARSI SAREBBE STATO BELLO RIVEDERE I LORO CONCERTI E RICORDARE LA LORO VITA NON ASCOLTARE LE LORO CANZONI CANTATE DA ALTRI IN MODO DIVERSO.

IL POPOLO DELLE SARDINE :


NON CANTATE O BELLA CIAO SE NON CONOSCETE IL SIGNIFICATO!!!!

Sono canti popolari italiani associati alla resistenza partigiana e ai partigiani sono parole di libertà, lotta contro La Dittatura Nazifascista diffusa dopo 20 giorni dalla fine della seconda guerra mondiale non credo che nel 2019 ci siano ancora dei Nazifascisti in circolazione!!! Per quanto mi risulta c’è la mafia nigeriana che droga, stupra e induce alla prostituzione giovani donne!!!

Canzone fior di tomba clicca qui➡https://youtu.be/Tx-dwvO0kK4

Canzone O bella ciao clicca qui➡https://youtu.be/nCkI9m8JcOU