DITE LA VOSTRA :

Detrazioni fiscali al 19% a chi paga con carte e bancomat, sconti per reddito:

fisco, manovra, Sicilia, Politica

La manovra si arricchisce giorno dopo giorno, ma non c’è ancora accordo su alcuni punti come quello sulle partite Iva. Ecco le novità che emergono oggi in vista del vertice nel pomeriggio.

FISCO. A partire dal 2020 (quindi per le dichiarazioni 2021) per ottenere tutte le detrazioni fiscali al 19% le spese dovranno essere “certificate” con bonifici o pagamenti con bancomat o carte. Lo prevede la bozza della manovra che, sempre in materia di tax expenditures, pone anche un limite di reddito (120mila euro) oltre il quale lo sconto fiscale si riduce, fino ad azzerarsi oltre i 240mila euro.

PENSIONI. Ecco un doppio meccanismo di “freezing” a garanzia della tenuta dei conti: nella bozza della
manovra, infatti, oltre al blocco di spese per 1 miliardo, si aggiunge anche un accantonamento specifico per Quota 100. Si prevedono infatti per il prossimo triennio altri risparmi per 1,7 miliardi in totale (300 milioni nel 2020, 900 nel 2021, 500 nel 2022) a garanzia dei quali vengono accantonate risorse equivalenti. Si prevedono poi due monitoraggi l’anno, entro il 15 marzo ed entro il 15 settembre, per liberare i fondi accantonati una volta perseguiti i risparmi.