Che amarezza.

Uccisa dal marito nonostante 12 denunce, annullato risarcimento ai figli di Marianna Manduca.

La Corte d’appello di Messina ha cancellato la sentenza di primo grado che aveva imposto alla Presidenza del Consiglio il pagamento di un risarcimento ai tre figli della donna uccisa a Palagonia. Per i giudici non ci fu negligenza dei magistrati perché a nulla sarebbe valso il loro intervento contro l’intento criminale dell’uomo.

<img class="i-amphtml-intrinsic-sizer" role="presentation" src="data:;base64,” alt=”” aria-hidden=”true” />

Lo stato non deve risarcire nulla ai tre figli minorenni di Marianna Manduca, la donna uccisa a coltellate dal marito nel 2007 dopo che lei lo aveva denunciato per ben dodici volte, ma invano, alla Procura di Caltagirone. La Corte d’appello di Messina infatti ha annullato il risarcimento di 259mila euro che in primo grado era stato riconosciuto ai tre orfani della donna. “I tre ragazzi devono restituire la già misera somma che il Tribunale di Messina aveva previsto a loro risarcimento. Sono incredula e indignata” ha dichiarato la vice presidente della Camera Mara Carfagna annunciando la sentenza. “La Corte d’Appello  dice quindi agli orfani, e a tutti noi, che quel femminicidio non poteva essere evitato, denunciare i violenti è vano” ha aggiunto la deputata di Forza Italia.

Articolo preso da : https://www.google.it/amp/s/www.fanpage.it/uccisa-dal-marito-nonostante-12-denunce-annullato-risarcimento-ai-figli-di-marianna-manduca/amp/