Una bellissima canzone dei Luf dalla Valcamonica.

 

Testo originale:
‘n vala la la domà par laorà fin a la sera
‘n olta n’ naeta a pe ades an và con la curiera
la not ‘n turna ‘n dre e canta l becalegn
la ca na faho hèmpar ‘n de htà al de legn

No olta na soi mùcc sui mùcc a fasa l fe
fadighe po finide sagado tüto ‘l de
a la fi de la giornada ‘n nea nataffo l brègn
i sonaa soi senter i noh süpei de lègn

‘na olta ‘naa soi mucc po toc an galaria
i boce ie füdic envece i vecc i vala mia
le corne i già spetacc e ‘n de ie gnicc a segn
e ia faso la hò ca ‘n de sta al de legn

Argü le nacc ‘n Francia la troat poca fortüna
chi svelcc ie nac an hvisera e ià implinit la cüna
l pö furbi ie stacc a baita a cantà col becalegn
e ia faso la hò ca ‘n de sta al de legn

Ai morcc don San-Nadèr i pasado ance i viff
ma qualcun i turna ‘n dre ‘n de let ie mia cariff
la festa lìè finida e i vala ‘n ver Malegn
a harca ‘n po de palanche ‘n de sta al de legn

Le he scürta le giornade ma ‘ntat la cres la lüna
al de de feraoht fae gia bordel don den ‘na cüna
‘l por camel la traffo de tàsca ‘n bel desegn
e la fasso la hò ca ‘n de sta al de legn

la cà l’è mia finida ma lü l’è già partit
‘n notra galaria ‘l la giamò scundit
a sintit la cavra bedola al post del becalegn
e lui le gnit a ca con den vistit de legn
e lui le gnit a ca con den vistit de legn

Traduzione in italiano:

Partiamo la mattina per lavorare fino a sera
una volta andavamo a piedi adesso si va con la corriera
la notte torniamo a casa e canta il picchio
la casa la costruiamo sempre in questa valle di legno

Un tempo andavamo sui monti, sui monti a fare fieno
fatiche infinite falciare tutto il giorno
alla fine della giornata avevamo pulito il prato
suonavano sul sentiero i nostri zoccoli di legno

Un tempo andavamo in malga poi tutti in galleria
i ragazzi son fuggiti invece i vecchi non vanno via
i sassi li hanno aspettati un giorno si son decisi
e hanno costruito la loro casa in questa valle di legno

qualcuno è andato in Francia ma ha trovato poca fortuna
quelli svegli sono andati in Svizzera e hanno riempito la culla
i più furbi sono rimasti a casa a cantare con il picchio
e hanno costruito la loro casa in questa valle di legno

Ai morti di San Nazzario vanno anche i vivi
ma quelli che tornano a casa nel letto non sono cattivi
la festa è finita e vanno verso Malegno
a cercare un po’ di soldi in questa valle di legno

Si accorciano le giornate e intanto cresce la luna
il giorno di ferragosto facevo già casino nella culla
il povero Camel (mio padre) tlse di tasca un bel disegno
e ha fatto la sua casa in questa valle di legno

La casa non è finita ma lui è già partito
un’altra galleria l’ha di nuovo inghiottito
ho sentito la civetta invece del picchio
e lui è tornato a casa con un vestito di legno
e lui è tornato a casa con un vestito di legno.


Una bellissima poesia di Paul Verlaine uno dei massimi esponenti della letteratura francese dell’Ottocento :

Viviamo in tempi infami:

Viviamo in tempi infami
dove il matrimonio delle anime
deve suggellare l’unione dei cuori;
in quest’ora di orribili tempeste
non è troppo aver coraggio in due
per vivere sotto tali vincitori.

Di fronte a quanto si osa
dovremo innalzarci,
sopra ogni cosa, coppia rapita
nell’estasi austera del giusto,
e proclamare con un gesto augusto
il nostro amore fiero, come una sfida.
Ma che bisogno c’è di dirtelo.
Tu la bontà, tu il sorriso,
non sei tu anche il consiglio,
il buon consiglio leale e fiero,
bambina ridente dal pensiero grave
a cui tutto il mio cuore dice: Grazie!

Di  Paul Verlaine.


download

Mohandas Karamchard Gandhi (1869 – 1948), detto il Mahatma in sanscrito significa Grande Anima, soprannome datogli dal poeta indiano R. Tagore, è il fondatore della nonviolenza e il padre dell’indipendenza indiana.

Una sua poesia:

Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci. 
Di Mahatma Gandhi.


Una bellissima poesia che deve motivare tutti quelli che la leggono scritta da Ayrton Senna.

Spero che vi piaccia.

  “La realta’ e’ che ho imparato molto. E’ deve essere cosi’. Se un giorno smetti di imparare sei finito, la parabola discende.Non mi sento arrivato.” 
Di Ayrton Senna. 

Una bellissima poesia ricordatevi che l’ottimismo è il sale della vita e ora vi lascio alla poesia di Helen Keller:

L’ottimismo è la fede che guida all’ottenimento. Niente può essere fatto senza speranza e fiducia. 
Di Helen Keller 

GUIDA CON LA TESTA:


GUIDA CON LA TESTA:

(Norme sulla precedenza)

2_433

E’ un segnale di prescrizione (precedenza). Obbliga a dare precedenza ai veicoli provenienti sia da destra che da sinistra sulla strada che si incrocia.
Si può trovare (sia fuori che dentro i centri abitati) ad esempio:
– su strada secondaria che non ha il diritto di precedenza
– sulle corsie di accelerazione per l’immissione in autostrada
– sulle rampe di raccordo per l’immissione in autostrada
– abbinato ad un semaforo, in tal caso vale quando il semaforo funziona a luce gialla lampeggiante.
Impone l’uso della massima prudenza al fine di evitare incidenti, moderare particolarmente la velocità e all’occorrenza fermarsi; non è obbligatorio fermarsi all’incrocio se, rallentando, si ha modo di vedere che non vi sono veicoli in arrivo, sia da destra che da sinistra.
Su strade extraurbane è preceduto dal segnale PREAVVISO DI DARE PRECEDENZA.
Se occorre arrestarsi, bisogna che ciò avvenga in corrispondenza della striscia trasversale, formata da una serie di triangoli bianchi.
Non è vero che può essere preceduto dal segnale DIRITTO DI PRECEDENZA o che si trova sulle strade con diritto di precedenza.

rotatoria-precedenza

Non è obbligatorio dare precedenza a destra e a sinistra quando un incrocio è presegnalato dal segnale INCROCIO CON DIRITTO DI PRECEDENZA, INCROCIO CON PRECEDENZA A DESTRA o in presenza del segnale ROTATORIA.

🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺

Sapendo queste regole perché la maggioranza dei guidatori non le rispetta?

🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺


Joy can only be real if people look upon their life as a service and have a definite object in life outside themselves and their personal happiness.

Traduzione:

“La gioia può essere reale solo se le persone considerano la loro vita come un servizio e hanno un determinato oggetto nella vita al di fuori di se stessi e della loro felicità personale”.
Di Leo Tolstoy.


Non l’hai mica capito:
Vasco Rossi
Scusa non ho capito
Voi ripetere, che cosa avevi da fare
Di tanto importante
Da non potere proprio proprio rimandare
Non mi dire, ti prego
Non mi dire che dovevi solo studiare
E ti sembra un buon motivo,
Questo, per non farti neanche sentire
Sì ti ho capito
T’interessa più la scuola
E poi del resto chissà come sei brava
Ma scusa
Tra I vari interessi che hai
Dimmi che posto mi dai
Ti voglio bene
Non l’hai mica capito
Ti voglio bene
Lascia stare il vestito
Ti voglio bene
Non cambiare discorso dai non scherzare!
Ti voglio bene
Smetti di giocare
Ti voglio bene
A un certo punto ti devi dare
Ti voglio bene
Non puoi farti eternamente corteggiare
Scusa cosa me ne frega del vestito che hai
Mi piaci come sei
Non mi devi trattare come tutti quei maschietti
Che ogni tanti “ti fai”
Chissà che cosa pagherei per poter vedere dentro
Quella testa cos’hai
Se mi stai prendendo in giro guarda che ti giuro
Non ti perdonerei
Ti voglio bene non capisci niente
Ti voglio bene bene un accidente
Ti voglio bene nonostante tutto
TI VOGLIO.

L’amore conta:
Luciano Ligabue
Io e te ne abbiamo vista qualcuna vissuta qualcuna
Ed abbiamo capito per bene il termine insieme
Mentre il sole alle spalle pian piano ca giù
E quel sole vorresti non essere tu
E così hai ripreso a fumare a darti da fare
È andata come doveva come poteva
Quante briciole restano dietro di noi
O brindiamo alla nostra o brindiamo a chi vuoi
L’amore conta
L’amore conta
Conosci un altro modo
Per fregar la morte?
Nessuno dice mai se prima o se poi
E forse qualche dio non ha finito con noi
L’amore conta
Io e te ci siam tolti le voglie
Ognuno I suoi sbagli
È un peccato per quelle promesse
Oneste ma grosse
Ci si sceglie per farselo un pò in compagnia
Questo viaggio in cui non si ripassa dal via
L’amore conta, l’amore conta
E conta gli anni a chi non è mai stato pronto
Nessuno dice mai che sia facile
E forse qualche dio non ha finito con te
Grazie per il tempo pieno
Grazie per la te più vera
Grazie per I denti stretti
I difetti
Per le botte d’allegria
Per la nostra fantasia
L’amore conta , l’amore conta
Conosci un altro modo per fregar la morte?
Nessuno dice mai se prima o se poi
E forse qualche dio non ha finito con noi
L’amore conta, l’amore conta
Per quanto tiri sai
Che la coperta è corta
Nessuno dice mai che sia facile
E forse qualche dio non ha finito con te
L’amore conta.

Una bellissima poesia di Franklin D. Roosevelt:

Happiness lies in the joy of achievement and the thrill of creative effort.

Traduzione:

“La felicità sta nella gioia del successo e nel brivido dello sforzo creativo”.
Di Franklin D. Roosevelt.


una poesia di Yosa Buson:

さびしさの/うれしくもあり/秋の暮れ

Sabishisa no/ureshiku mo ari/ aki no kure.

Traduzione:

Nella solitudine
C’è anche gioia
Fine dell’autunno.


Una poesia di Matsuo Bashou.

荒海や/佐渡によこたふ/天の河

Araumi ya/Sado ni yokotau/ama no gawa.

Traduzione:

Mare agitato,
Si distende su Sado
La Via Lattea.


Il vero amico secondo l’imprenditore statunitense Henry Ford, riesce a stimolarti a tal punto da aiutarti a far emergere risorse e qualità che a volte nemmeno tu sapevi di avere.

Il mio migliore amico è quello che tira fuori il meglio di me.

Di Henry Ford.


To enjoy good health, to bring true happiness to one’s family, to bring peace to all, one must first discipline and control one’s own mind. If a man can control his mind he can find the way to Enlightenment, and all wisdom and virtue will naturally come to him.
Traduzione:”Per godere di buona salute, per portare la vera felicità alla propria famiglia, per portare pace a tutti, bisogna prima disciplinare e controllare la propria mente. Se un uomo può controllare la sua mente, può trovare la via per l’Illuminazione, e tutta la saggezza e la virtù verranno naturalmente da lui”.
Di Buddha.


Every day is a new day, and you’ll never be able to find happiness if you don’t move on.
Traduzione:”Ogni giorno è un nuovo giorno e non sarai mai in grado di trovare la felicità se non vai avanti”.
Di Carrie Underwood.


Una bellissima canzone scritta da Valeria Rossi titolo Tre parole :

   TRE PAROLE :                                           C’è solo una cura
Io so che lo sai
È una stanza vuota
Io mi fiderei
Bravo puoi capire
Cose che non vuoi
Sei il tuo guaritore
Sei nel tuo mondo
Dammi tre parole
Sole, cuore, amore
Dammi un bacio che non fa parlare
È l’amore che ti vuole
Prendere o lasciare
Stavolta non farlo scappare
Sono le istruzioni
Per muovere le mani
Non siamo mai
Così vicini
Parla a voce bassa
Spiegami che vuoi
Sai ne è pieno il mondo
Di mali come i tuoi
Slacciati la faccia
Arrabbia gatto che
Gioca con la buccia
E gira in tondo
Dammi tre parole
Sole, cuore, amore
Dammi un bacio che non fa parlare
È l’amore che ti vuole
Prendere o lasciare
Stavolta non farlo scappare
Sono le istruzioni
Per muovere le mani
Non siamo mai
Così vicini
Tra la terra ed il cielo
In mezzo ci sei te
A volte è solo un velo
Un giorno, un fulmine
Sei dato dato dato
Avuto avuto avrai
Oggi ha già piovuto, dove sei?
Dammi tre parole
Sole, cuore, amore
Dammi un bacio che non fa parlare
È l’amore che ti vuole
Prendere o lasciare
Stavolta non farlo scappare
Sono le istruzioni
Per muovere le mani
Non siamo mai
Così vicini
Dammi tre parole
Sole, cuore, amore
Dammi un bacio che non fa parlare
È l’amore che ti vuole
Prendere o lasciare
Stavolta non farlo scappare
Sono le istruzioni
Per muovere le mani
Non siamo mai
Così vicini.


20180723_222245

Un pezzetto di una bellissima canzone di Fred Bongusto titolo Guarda che luna.                                                           Guarda che luna, guarda che mare,
da questa notte senza te dovrò restare
folle d’amore vorrei morire
mentre la luna di lassù mi sta a guardare.

PERLE DI SAGGEZZA:


Alcune perle di saggezza sull’amore e sulla vita e sull’amicizia spero che vi piaceranno aspetto un vostro commento grazie in anticipo.

✴✴✴

L’amore illecito è un grande inquinamento dell’anima e un peso che opprime chi desidera volare.                  Di  Sant’Agostino.

✴✴✴

Oh me, oh vita !
Domande come queste mi perseguitano,
infiniti cortei d’infedeli,
città gremite di stolti,
che vi è di nuovo in tutto questo,
oh me, oh vita !
Risposta: Che tu sei qui,
che la vita esiste e l’identità,
Che il potente spettacolo continui,
e che tu puoi contribuire con un verso.

Di Walt Whitma.

✴✴✴

È oggi: tutto l’ieri andò cadendo
entro dita di luce e occhi di sogno,
domani arriverà con passi verdi:
nessuno arresta il fiume dell’aurora.
Nessuno arresta il fiume delle tue mani,
gli occhi dei tuoi sogni, beneamata,
sei tremito del tempo che trascorre
tra luce verticale e sole cupo,
e il cielo chiude su te le sue ali
portandoti, traendoti alle mie braccia
con puntuale, misteriosa cortesia.
Per questo canto il giorno e la luna,
il mare, il tempo, tutti i pianeti,
la tua voce diurna e la tua pelle notturna. Di Pablo Neruda.

                         ✴✴✴

Il supremo male che possa capitare è commettere ingiustizia; non vorrei né patirla né commetterla, ma fra le due, preferirei piuttosto patire che commettere ingiustizia.   Di Platone.

✴✴✴

“Se tu smettessi di baciarmi
Credo che morirei soffocata
Hai quindici anni ne ho quindici anch’io
In due ne abbiamo trenta
A trent’anni non si è più ragazzi
Abbiamo l’età per lavorare
Avremo pure diritto di baciarci
Più tardi sarà troppo tardi
La nostra vita è ora
Baciami!”. Di Jacques Prévert.

✴✴✴

Tu e io non siamo che una cosa sola. Non posso farti del male senza ferirmi. Di Gandhi.

✴✴✴

Ti voglio dire,
che ti voglio
dire, che ti
voglio dire, che
voglio dirti, che
ti voglio dire,
che ti voglio. Di Paolo Nori.

✴✴✴

Ci sono cose per cui sono disposto a morire, ma non ce ne è nessuna per cui sarei disposto ad uccidere. Di Gandhi.

✴✴✴

Che cosa sarebbe la vita se non avessimo il coraggio di fare tentativi?             Di Vincent Van Gogh.

✴✴✴

Quando saremo due saremo veglia e sonno,
affonderemo nella stessa polpa
come il dente di latte e il suo secondo,
saremo due come sono le acque, le dolci e le salate,
come i cieli, del giorno e della notte,
due come sono i piedi, gli occhi, i reni,
come i tempi del battito
i colpi del respiro.
Quando saremo due non avremo metà
Saremo un due che non si può dividere con niente.
Quando saremo due, nessuno sarà uno,
uno sarà l’uguale di nessuno
e l’unità consisterà nel due.
Quando saremo due
cambierà nome pure l’universo
diventerà diverso.

Di Erri De Luca.

✴✴✴

Il modo tuo d’amare
È lasciare che io ti ami.
Il si con cui ti abbandoni
È il silenzio. I tuoi baci
Sono offrirmi le labbra
Perché io le baci.
Mai parole o abbracci
Mi diranno che esistevi
E mi hai amato: mai.
Me lo dicono fogli bianchi,
mappe, telefoni, presagi,
tu, no.
E sto abbracciato a te
Senza chiederti nulla, per timore
Che non sia vero
Che tu vivi e mi ami.
E sto abbracciato a te
Senza guardare e senza toccarti.
Non debba mai scoprire
Con domande, con carezze,
quella solitudine immensa
d’amarti solo io.

Di Pedro Salinas.

✴✴✴

Senza di te un albero
non sarebbe più un albero.
Nulla senza di te
sarebbe quello che è.

Di Giorgio Caproni.

✴✴✴

Un amico è la cosa migliore che tu possa avere e la cosa migliore che tu possa essere. Di Douglas Pagels.

✴✴✴

La vera amicizia resiste al tempo, alla distanza, al silenzio.Di Isabel Allende.

✴✴✴

Amico mio, accanto a te non ho nulla di cui scusarmi, nulla da cui difendermi, nulla da dimostrare: trovo la pace. Al di là delle mie parole maldestre tu riesci a vedere in me semplicemente l’uomo. Di Antoine de Saint-Exupery.

 

LA FAMIGLIA


Stamattina pensavo a tutte le poesie e aforismi sulla famiglia e sui parenti in generale alcune che li ritraggono positivamente e alcune negativamente.

Inizio con quelle positive:

🔸🔸🔸                                   “Il legame che unisce la tua vera famiglia non è quello del sangue, ma quello del rispetto e della gioia per le reciproche vite”.Di RICHARD BACH.                                 🔸🔸🔸

“In ogni famiglia c’è un membro che orienta il clima emotivo di tutti gli altri”. Di MICHELA MURGIA.                                                                  🔸🔸🔸

L’amore comincia a casa: prima viene la famiglia, poi il tuo paese o la tua città. Di Madre Teresa di Calcutta.

🔸🔸🔸

Questa è la vera natura della casa: il luogo della pace; il rifugio non soltanto dal torto, ma anche da ogni paura, dubbio e discordia. Di John Ruskin.

🔸🔸🔸

“Ohana” significa famiglia e famiglia vuol dire che nessuno viene abbandonato o dimenticato. Di Lilo & Stitch.

🔸🔸🔸

Ora quelle negative:

Le famiglie, “minuscoli teatri in cui attori scadenti continuano a mettere in scena la stessa pessima rappresentazione, davanti a spettatori ammanettati alle loro sedie”. Di ANDREA DE CARLO.

🔸🔸🔸

I parenti sono come le scarpe: più sono stretti e più ti fanno male.
Di Totò.

🔸🔸🔸

“La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello”. Di RONALD DAVID LAING.

🔸🔸🔸

“I parenti sono come il pesce: dopo tre giorni puzzano”. (Anonimo).

                  🔸🔸🔸

“I parenti sono amici imposti, di cui raramente ci sentiamo amici”.
Di Roberto Gervaso.

Spero che vi siano piaciute?

 


“Se mi ami, amami tutta, non per zone di luce o d’ombra.
Se mi ami, non mi ritagliare, amami tutta… o non mi amare”.
Di D. M. Loynaz.

Se devi scegliere cosa ami di me vuol’dire che non sono la persona giusta per te!!!