mano

Parlamentari condannati, imputati, indagati e prescritti che siedono tra Montecitorio e Palazzo Madama. 

Abrignani Ignazio (deputato Pdl): indagato per dissipazione post-fallimentare.

Alessandri Angelo (dep Lega): indagato per finanziamento illecito ai partiti.

Angelucci Antonio (dep Pdl): indagato per associazione a delinquere, truffa e falso.

Aracu Sabatino (dep Pdl): rinviato a giudizio nella Sanitopoli abruzzese.

Barbareschi Luca (dep Misto- eletto Pdl): indagato per abusivismo.

Berlusconi Silvio (dep Pdl): 2 amnistie (falsa testimonianza P2, falso in bilancio Macherio); 1 assoluzione per depenalizzazione del reato (falso in bilancio All Iberian); 3 processi in corso (frode fiscale Mediaset, intercettazioni Unipol, processo Ruby). 5 prescrizioni (Lodo Mondadori, All Iberian, Consolidato Fininvest, Falso in bilancio Lentini, processo Mills).

Bernardini Rita (dep Pd): condannata nel 2008 a quattro mesi per cessione gratuita di marijuana, pena estinta per indulto.

Berruti Massimo (dep Pdl): condannato a 8 mesi per favoreggiamento.

Bossi Umberto (dep Lega): condannato a 8 mesi di reclusione per finanziamento illecito, 1 anno per istigazione a delinquere, 1 anno e 4 mesi per vilipendio alla bandiera poi indultati, oggi è indagato per truffa ai danni dello Stato.

Bosi Francesco (dep Udc): indagato per abuso d’ufficio.

Bragantini Matteo (dep Lega): condannato in appello per propaganda razziale.

Brancher Aldo (dep Pdl): condannato per appropriazione indebita e ricettazione.

Briguglio Carmelo (dep Pdl): vari processi a carico (truffa, falso, abuso d’ufficio), alcuni prescritti, alcuni trasferiti ad altri tribunali e in seguito assolto.

Calderoli Roberto (senatore Lega): indagato per ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale, prescritto. Indagato per truffa dal Tribunale dei ministri, i senatori votano contro l’autorizzazione a procedere.

Camber Giulio (sen Pdl): condannato in via definitiva per millantato credito.

Caparini Davide (dep Lega): resistenza a pubblico ufficiale, prescritto.

Carlucci Gabriella (dep Pdl): condannata a risarcire una sua collaboratrice.

Carra Enzo (dep Udc): condannato in via definitiva a 16 mesi per false dichiarazioni ai pm.

Castagnetti Pierluigi (dep Pd): rinviato a giudizio per corruzione, prescritto.

Castelli Roberto (sen Lega): indagato per abuso d’ufficio patrimoniale.

Catone Giampiero (dep Misto – eletto Pdl): condannato in primo grado a otto anni per associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, falso, false comunicazioni sociali e bancarotta fraudolenta pluriaggravata.

Cesa Lorenzo (dep Udc): condannato in primo grado per corruzione aggravata, condanna annullata in appello per vizio di forma.

Cesaro Luigi (dep Pdl): indagato per associazione camorristica.

Ciarrapico Giuseppe (sen Pdl): condannato per truffa aggravata, bancarotta fraudolenta, finanziamento illecito, rinviato a giudizio per ricettazione, indagato per truffa ai danni di Palazzo Chigi.

Cosentino Nicola (dep Pdl): accusato di legami con il clan dei Casalesi, il Parlamento ha negato la richiesta d’arresto. Imputato anche nell’inchiesta sulla P3.

Crisafulli Vladimiro (sen Pd): sotto inchiesta per abuso d’ufficio.

Cursi Cesare (sen Pdl): indagato per corruzione.

D’Alema Massimo (dep Pd): finanziamento illecito accertato, prescritto.

D’Alì Antonio (sen Pdl): rinviato a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa.

De Angelis Marcello (dep Pdl): condannato per banda armata e associazione eversiva.

De Gregorio Sergio (sen Pdl): indagato per associazione per delinquere, concorso in truffa e truffa aggravata, concorso in bancarotta fraudolenta. Il Senato ha negato l’autorizzazione all’arresto.

Dell’Utri Marcello (dep Pdl): condannato per false fatture e frode fiscale, condannato in appello per tentata estorsione mafiosa, condannato in secondo grado a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa ma annullata con rinvio dalla Cassazione.

Del Pennino Antonio : (sen Pdl): ha patteggiato una pena di 2 mesi e 20 giorni nel processo per le tangenti Enimont. A ottobre 1994 altro patteggiamento: di una pena di 1 anno, 8 mesi e 20 giorni per tangenti relative alla Metropolitana milanese. Prescritto per corruzione.

De Luca Francesco (dep Pdl): indagato per tentata corruzione in atti giudiziari.

Di Giuseppe Anita (dep Idv): indagata per abuso di ufficio, turbativa d’asta e associazione a delinquere.

Di Stefano Fabrizio (dep Pdl): rinviato a giudizio per corruzione.

Drago Giuseppe (dep Misto – eletto Udc): condannato per peculato e abuso d’ufficio.

Farina Renato (dep Pdl): condannato in primo grado a 2 anni e 8 mesi per falso in atto pubblico, ha patteggiato una pena di 6 mesi per favoreggiamento nel sequestro di Abu Omar.

Fasano Vincenzo (sen Pdl): condannato per concussione, indultato.

Fazzone Claudio (sen Pdl): rinviato a giudizio per abuso d’ufficio.

Firrarello Giuseppe (sen Pdl): condannato in primo grado per turbativa d’asta, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa (nel ’99 il Senato ha negato l’arresto).

Fitto Raffaele (dep Pdl): rinvio a giudizio per concorso in corruzione, falso e finanziamento illecito.

Galioto Vincenzo (sen Misto-eletto Pdl): condannato in primo grado per falso in bilancio.

Genovese Fracantonio (dep Pd): indagato per abuso d’ufficio.

Grassano Maurizio (Misto – eletto Lega): condannato in primo grado a 4 anni per truffa.

Grillo Luigi (dep Pdl): indagato e prescritto per truffa.

Iapicca Maurizio (dep Misto-eletto Pdl): rinviato a giudizio per false fatture, falso in bilancio e abuso d’ufficio, prescritto.

La Malfa Giorgio (dep Misto-eletto Pdl): condannato per finanziamento illecito.

Laganà Maria Grazia (dep Pd): imputata per truffa ai danni dello Stato.

Landolfi Mario (dep Pdl): indagato per concorso in corruzione, concorso in truffa e concorso in favoreggiamento mafioso.

Lehner Giancarlo (dep Pdl): condannato per diffamazione.

Lolli Giovanni (dep Pd): rinviato a giudizio per favoreggiamento , prescritto.

Lombardo Angelo (dep Misto): indagato per concorso esterno in associazione mafiosa.

Lumia Giuseppe (dep Pd): indagato per diffamazione. Querelato dal suo ex addetto stampa.

Lunardi Pietro (dep Pdl): indagato per corruzione.

Luongo Antonio (dep Pd): rinviato a giudizio per corruzione.

Lusetti Renzo (dep Pd): condannato a risarcimento per consulenze ingiustificate.

Lusi Luigi (Misto-eletto Pd): indagato per appropriazione indebita e calunnia, è attualmente in carcerazione preventiva e resta senatore.

Malgieri Gennaro (dep Pdl): condannato dalla Corte dei conti per la nomina di Alfredo Meocci a dg della Rai.

Mannino Calogero (sen misto, eletto Udc): imputato per minaccia a corpo dello Stato nell’inchiesta sulla Trattativa Stato-mafia.

Maroni Roberto (Lega Nord): condannato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

Matteoli Altero (sen Pdl): imputato per favoreggiamento, processo bloccato dalla Camera.

Messina Alfredo (sen Pdl): indagato per favoreggiamento in bancarotta fraudolenta.

Milanese Marco (dep Pdl): indagato per corruzione, rivelazione segreta e associazione a delinquere (P4).

Nania Domenico: (sen Pdl): condannato per lesioni personali

Naro Giuseppe (dep Udc): condannato per abuso d’ufficio, condanna in primo grado per peculato prescritta.

Nessa Pasquale (sen Pdl): rinviato a giudizio per concussione.

Nespoli Vincenzo: (sen Pdl): indagato per concorso in scambio elettorale, concorso in bancarotta fraudolenta e concorso in riciclaggio. Richiesta di arresto respinta dal Senato.

Paravia Antonio ( arrestato per tangenti, poi prescritto.

Papa Alfonso: (dep Pdl): accusato di concussione, favoreggiamento e rivelazione del segreto d’ufficio nell’ambito dell’inchiesta sulla P4.

Papania Antonino (dep Pd): patteggia accusa per abuso d’ufficio.

Pili Mauro (dep Pdl): indagato a Cagliari per peculato.

Pini Gianluca: (dep Lega): indagato per millantato credito.

Pittelli Giancarlo (dep Misto – eletto Pdl): indagato per associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio e “appartenenza a loggia massonica segreta o struttura similare” e per minacce e lesioni a un collega avvocato.

Pistorio Giovanni (sen Misto): condannato dalla Corte dei conti per danno erariale.

Porfidia Americo: (dep Misto – eletto Idv): rinviato a giudizio per tentata estorsione e favoreggiamento.

Rigoni Andrea (dep Pd): condanna in primo grado per abuso edilizio, poi reato prescritto.

Rizzoli Melania (dep Pdl): indagata per concorso in falso.

Romano Francesco Saverio (dep misto – eletto Udc): indagato per corruzione.

Matteo Renzi Condannato 1 Grado Corte dei Conti.

Rosso Roberto (dep Pdl): indagato per associazione a delinquere.

Russo Paolo (dep Pdl): indagato per violazione della legge elettorale.

Rutelli Francesco (sen Misto): condannato per danno erariale dalla Corte dei conti.

Savino Elvira (dep Pdl): indagata per concorso in riciclaggio.

Scajola Claudio (dep Pdl): indagato per la casa vicino al Colosseo pagata dall’imprenditore Diego Anemone.

Scapagnini Umberto (dep Pdl): condannato in primo grado a 2 anni e 6 mesi per abuso d’ufficio e violazione della legge elettorale.

Scelli Maurizio (dep Pdl): condannato a pagare 900 mila euro per irregolarità nell’acquisizione di servizi informatici.

Sciascia Salvatore (sen Pdl): condannato per corruzione alla Guardia di finanza.

Simeoni Giorgio (dep Pdl): indagato per associazione per delinquere e corruzione.

Serafini Giancarlo (sen Pdl): ha patteggiato una condanna per corruzione.

Speciale Roberto (dep Pdl): condannato dalla Corte di appello militare a 1 anno e 1 mese per peculato d’uso e abuso d’ufficio.

Stiffoni Piergiorgio (sen misto – eletto Lega) indagato dalla Procura di Milano per peculato.

Strano Nino (sen Misto – Fli): condannato in appello a 2 anni e 2 mesi per abuso d’ufficio e violazione della legge elettorale

Tancredi Paolo (dep Pd): indagato per corruzione

Tedesco Alberto (sen Pd): indagato per turbativa d’asta e corruzione. La Camera dei deputati l’ha salvato negando l’autorizzazione all’arresto.

Tomassini Antonio (sen Pdl): condannato per falso.

Tortoli Roberto (dep Pdl): condannato in secondo grado a 3 anni e 4 mesi per estorsione.

Verdini Denis (dep Pdl): indagato per false fatture, mendacio bancario, appalti G8 L’Aquila, associazione a delinquere e abuso d’ufficio.

Vizzini Carlo (sen Pdl): condannato in primo grado per finanziamento illecito, si è salvato solo con la prescrizione. Era coinvolto nella maxi tangente Enimont. Indagato per favoreggiamento alla mafia.

<DITE LA VOSTRA…..>

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...